OPEN WORLD

forse l'unica  alternativa valida in gradi di superare il capitalismo/consumismo

Differenza tra "Software Libero" e "Opensource"

I due termini vengono spesso accomunati anche se effettivamente differiscono molto tra di loro. Molto probabilmente l'errore nasce dai differenti significati che la parola "free" può avere nella lingua inglese. Verso la fine degli anni '90 si iniziò a utilizzare il termine opensource al posto del termine software libero, forse perchè questo termine metteva a disagio, era troppo grande la filosofia su cui si basava e basa tutt'ora. Spostandosi sull 'opensource si dava maggior risalto all' aspetto pratico della questione, ad effetti e vantaggi di un software condiviso. Da un movimento di carattere sociale si passa ad una metodologia di sviluppo. L'opensource rappresenta software gratuito, in cui viene data la possibilità di leggere il codice sorgente, ma non è detto cosa sia possibile fare di quel codice. Molte società di sviluppo hanno utilizzato e utilizzano tutt'ora distribuire con licenze opensource del software proprietario, spesso distribuendo parallelamente software compatibile non-opensource. Il movimento del "Software Libero" si basa invece di un' idea di libertà, di utilizzare e redistribuire con o senza modifiche quel codice.

Storia

Più che la nascita del Software Libero bisognerebbe parlare della nascita del software proprietario. La condivisione del codice è nata infatti insieme alla nascita dei primi computer. I produttori di hardware avevano bisogno di software diffuso e conosciuto. Non rischiavano inoltre di avvantaggiare la concorrenzai n quanto difficilmente il software era applicabile a macchine diverse.

Dagli anni sessanta, la diffusione di computer privati e aziendali con esigenze standardizzate da una parte, e l' introduzione dei sistemi operativi a far da “ponte” tra hardware e programmi, portò i produttori di software a cambiare la logica di mercato utilizzando licenze chiuse che permettono di vendere lo stesso prodotto più volte al numero crescente di utilizzatori. Tolta inoltre la possibilità di accedere al codice sorgente, venne impedita la modifica ed evoluzione del programma che resta così prerogativa (soprattutto economica) del produttore.

Nel 1985 Stallman fondò la FSF, un' organizzazione senza scopo di lucro per lo sviluppo del software libero. Nacque così la GNU General Public License, licenza che permette di modificare copiare e redistribuire il software. Inoltre la licenza è persistente e propagativa, per cui anche successivi ampliamenti e modifiche devono necessariamente essere distribuiti con la stessa licenza. L'obiettivo principale però, ovvero creare un nuovo sistema operativo libero, venne raggiunto solo negli anni novanta grazie al lavoro di Linus Trovalds. Deciso a creare un proprio sistema operativo distribui il proprio lavoro tramite internet, nel frattempo notevolmente sviluppato, ricevendo subito riscontri positivi, che si tradussero in nuovi apporti e correzioni dei “bug”. Nasce così il kernel Linux, il primo vero e proprio progetto  di software libero, in cui l' evoluzione avviene grazie a http://www.freebsd.org/collaborazioni da tutto il mondo tramite il web.

Principali Sostemi Operativi

Ecco un elenco dei maggiorni sistemi operativi Linux. Per una lista "completa" rimando al sito : distrowatch

         

           

          

    

Joomla templates by a4joomla