Category Archives: Confraternita Giocatori Incalliti
16 – 23/03/2020 Ultime decisioni e poi si parte di nuovo!

L’accordo con Atherios per la fornitura di legname per la costruzione della palizzata alla cittadina di Jakaar è fatto. Due carichi di legna partono dal Maniero, scortati da Sigfrido , Argun , Foras e Astarot oltre Ronson l’apprendista di Fenya ed altri 10 goblin ben armati. La legna, come d’accordo , sarà venduta al 60% del normale prezzo di mercato. Fenya e Barcalaia rimangono al Maniero.

Sigrfrido porta con sè l’arco con la corda speciale che non si taglia, un arco molto potente che infligge +1 al danno e può essere teso fino a raddoppiare la distanza di tiro, a prezzo della possibilità in caso di tiro maldestro 18-19-20 di rompere il legno dell’arco.

Don Agostino, insieme ad Alcatrax Gaileo e Leogai, attendono ancora al posto di guardia all’ingresso di Forte CArdo che il Sindaco Nottefonda dia il suo benestare al trasferimento del cadavere del negromante alla Chiesa di Prios.

16 – 15/03/2020 covidparty1

La comunità di goblin al Maniero si allegrga con l’arrivo di un altro piccolo gruppo. La morte del capoclan rimane però un problema, e Fenya non è disposta a prendrne la guida. Saranno loro stessi ad eleggere il loro capoclan, mentre Fenya addestra uno dei nuovi arrivati come suo apprendista. Intanto Argun fà sue alcune arnie dei calabroni del Davokar, cercando per il momento di sistemarle all’interno del maniero, maggiormente protette e facilmente raggiungibili.

Sigfrido si accorda con gli altri tre apparteneti al Clan Ulfir di incontrarsi sotto la grande quercia fuori Jakaar tra una settimana per partire per Karvosti.

16 – 04/01/20 Gli avventurieri si dividono !

Casa di cri

fede cri e io

Don Agostino, liberatosi dall’influenza della Danza della Morte, fugge insieme a Gaileo e Leogai e guarda da lontano la grande scrofa uccidere e lasciare in terra l’ Elfo dell’ Autunno. Impacchettano il cadavere del povero negromante e partono velocemente alla volta di Forte Cardo, per consegnare il corpo alla chiesa di Prios, non prima però di aver recuperato, nonostante un alterco con Gjambdolo, la lancia dell’elfo spezzata in due parti.

Sigfrido, termina con successo il periodo di allenamento dei giovani guerrieri del villaggio nell’uso delle armi da tiro. Lascia il villaggio Odaiova e torna al maniero, dove ha intenzione di dedicarsi alla ristrutturazione e sistemazione dello stesso.

Argun e Foras preparano la cattura del favo con i calabroni del Davokar.

Fenya decide di non prendere la posizione di capoclan dei goblin, saranno quindi loro a eleggerne uno.

Barcalaia si dedica ai suoi studi nel maniero.

Bartolomeo parte per raggiungere Kurun e poi Agrella con la vostra nave fluviale. Giorgione gli affida 3 goblin che potranno comandare la nave, ma solo fino ad Agrella. Passando per l’imbocco del fiume nel Lago Volgoma, incontra Konarad mercante Vakkaro e lo fà salire a bordo. Poco dopo viene fermato dai pirati di Francisco Bonetti, che lo interroga su quanto è successo, e apparentemente deluso, lo lascia andare… ( facendogli però dimenticare il fischio segreto dei suoi, segnale che quindi ormai non conosce più nessuno… )

16 – 27/12/19 – L’avventura continua !

Casa di Fede , chiusa natalizia dalle 16.00 a oltranza

Fede cri e io

Don Agostino parte insieme ad Alcatraz per aiutare i due templari Leogai e Gaileo nella loro missione. Il viaggio per raggiungere il loro obiettivo è abbastanza rapido, e sebbene tutti avevano capito di dover andare a Nord addentrandosi nella foresta occorreva invece prendere il fiume Eanor!! a sapello’! Durante il viaggio viene spigata la missione da compiere : un Negromane sembra si nascondi a Speranza di Lisandra, tra i cercatori di tesoro. Occorre trovarlo e catturarlo!

L’avventusa prosegue veloce e caotica, tra Leogai e Gaileo che non sanno cosa fare quindi si mettono a scavare in cerca di tesori, mentre Don Agostino ci prova con Neserena, mantello nero, cercando di capirci qualcosa. Alcatrax si rende conto di strano comportamenti da parte dell’ Orchessa Sceriffo del villaggio, cerca di seguirla e rubargli il suo Poema Armony preferito, ma viene beccato e catturato. Solo con la forza DonAgo riuscirà a liberarlo incorrendo però nel biasimo dell’ Orchessa.

Sigfrido si trova nel villaggio Odaiova, dove ssembra prendere maggiore sicurezza e contatti con alcuni abitanti. Alla perpetua ricerca di pozioni magiche e punti esperienza volanti, approfitta del tempo che passa al villaggio, tempo necessario al sarto del villaggio ed a Volager l’addestratore di cervi per procurargli nuovi e migliori indumenti e una cavalcatura adatta alla foresta, migliorando la sua arte con le armi da tiro e addirittura accettando di istruire alcuni giovani nell’uso delle armi da tiro. Inoltre chiacchiere a destra e sinistra con alcune personaggi del villaggio, gli danno certezza che l’operato del capoclan Embramer non è visto favorevolmente da molti, ma che tutti sono restii a contrastarlo apertamente, chi per il bene del villaggio, chi per il suo stesso bene…

Al maniero giunge un umano, zeinai, che si propone come cartografo della zona. Dopo lunghissime ed estenuanti trattative, viene deciso che per 10 talleri farà mappa del Maniero, mappa della zona circostante, disegno di boh e poi boh. …oddio non me ricordo….

Volager, allevatore di cervi Clan Odaiova

Appartiene al Clan Odaiova, e vive nel viollaggio sotto la O di Odaiova. Uomo ormai un po’ avanti con gli anni. Alleva bellissimi e grandi cervi per tutto il clan.

Rovine – Cittadella Symbaroum – nord del fiume Malgomor
Rovine di un antica cittadella Symbaroum

A tre giorni di cammino dal villaggio Odaiova più vicino alla cittadina di Jakaar, a nord del fiume Malgomor, sono state scoperte delle rovine di un’antica cittadella Symbaroum. Le rovine sono state occupate da un Signore dei Ragni e utilizzate come tana. Attualmente il covo dei ragni è stato debellato, anche se le rovine non state esplorate interamente.

15 – 06/12/19 – Sigfrido e i Guerrieri Orso fuggono dalle tane di Maaz-te-naaz

E’ ormai notte quando i guerrieri orso con loro escono dai palazzi sotterrati… la metà dei compagni del clan liberati, nonostante i loro sforzi per guarirli e rifocillarli, sono passati allo stadio finale della trasformazione avvenuta nei bozzoli dei ragni. Alcuni sono esplosi dall’interno liberando un vorace sciame di piccoli ragni, altri sono stati trasformati definitivamente in abonimi. La pericolosità era letale, uno ad uno i guerrieri orso sono caduti sotto i loro colpi e morsi. L’arrivo di rinforzi dal villaggio, chiamati e guidati fino alle rovine da Sigfrido e Unticor, non ha permesso altro che dar fuoco a tutto quello che di loro rimaneva, un fuoco liberatore che quantomeno ha evitato ai poveri malcapitati una vita ormai di dolore e follia.

Il mattino successivo il rientro al villaggio è triste, sotto un cielo plumbeo dove la pioggia leggera si mischia ai pianti delle famiglie orfane dei loro ragazzi. Embersind, capoclan degli Odaiova non è presente nel villaggio : altrove sono avvenute segnalazioni di ragni nella foresta e alcuni villaggi hanno subito attacchi, il capoclan è partito quindi per verificare cosa stia succedendo. Arnamer accoglie tutti nella grande sala del villaggio per ascoltare i racconti dei sopravvissuti.. orribili racconti che parlano di rovine ormai completamente nascoste sottoterra dalla vegetazione, popolate di infide bestie e occupate dai velenosi ragni. Purtroppo il loro signore, è riuscito a fuggire, e anche se una delle sue tane è stata scoperta e purificata dal fuoco, altre sono nascoste nella foresta e nuove ne vengono create. Il villaggio piange i suoi caduti, mentre nuovi ragazzi vengono chiamati a difendere il villaggio , sempre più giovani, caricati di pesanti armature e armi affilate, pronti all’ addestramento che, si spera, possa salvare loro e le loro famiglie…

Sigrfrido nota affacciarsi dal bordo della collinetta a nord del villaggio, la Strega Stulka che lo osserva, e la raggiunge, solitario. Entrato nella sua piccola capanna, la Strega lo attende seduta e immersa nei fumi delle sue erbe, mentre prepara un unguento. Il racconto che Sigrfrido le fà è attento e completo, cerca di non tralasciare nulla, descrivendo tutto quello che è riuscito a comprendere e gli orrori che ha vissuto. La Strega ascolta attentamente, mentre comincia a cospargere la mano di Sigrfrido dell’unguento ed a pronunciare incomprensibili filastrocche.

“La maledizione che gravava su di te è stata sciolta.. hai tentato di liberare i compagni del tuo villaggio, senza successo purtroppo, e soprattutto senza riuscire a fermare il Malvagio Maz-at-teez. Sei sorpreso, bè non credere che perchè io sia sempre chiusa qui dentro non conosca cosa accade fuori. E’ da tempo che questo Signore dei Ragni vaga nella foresta, cercando di accrescere la sua famiglia, generando nuovi figli e corrompendo le altre creature della foresta. Da quello che mi hai raccontato, oramai il suo potere è forte, sono sufficienti infatti meno di dieci giorni per rendere una creatura sua schiava definitivamente. Inoltre non sappiamo cosa poteva accadere ai tuoi compagni se il periodo di incubazione non fosse stato interrotto. Ho timore che creature grandi e corrotte verranno in futuro ad attaccare i nostri villaggi… Ora và , vedo dal tuo sangue che non appartieni a questo clan, e non voglio essere io a dover raccontare chi sei… “

Maz-at-teez
Maaz-at-teez Signore dei Ragni

Antico signore dei ragni , Maz-at-teez sta diffondendo il vangelo dei ragni, espandendo il suo territorio e generando nuoa progenie. Molte bestie nei dintorni della zona dove vive il Clan Odaiova sono state uccise, la piccola tribù dei goblin vicina al fiume Malgomor è stata interamente distrutta. E’ ormai certo inoltre che i suoi ragni stanno cercando di catturare umani, per renderli loro schiavi dopo averli trasformati in feroci sciami di piccoli ragni o orribili abomini dalle sembianze in parte umane in parte aracnidi..

Stulka- strega Odaiova
Stulka, strega villaggio Odaiova

Una vecchia strega vive accampata a poca distanza dal villaggio su di una collinetta. Non scende mai al villaggio, sono piuttosto gli abitanti a rivolgersi a lei quando hanno bisogno di aiuto. Nei dintorni della sua dimora, si trovano spesso accampati barbari provenienti da altre tribù, che chiedono udienza alla strega per svariati motivi. Ottenere da lei udienza non è difficile, accoglie tutti coloro che arrivano alla sua porta, ma le richieste non vengono quasi mai esaudite subito c’è bisogno di un determinato tempo affinchè possa preparare i giusti rituali, per cui spesso non chiede denaro ma piccoli favori o vere e proprie missioni.

Quando le è stato chiesto se l’amicizia con gli Ambriani fosse cosa buona per il clan rispose : “diffidate delle Regina Guerriera, la sua volontà è troppo forte per essere fermata da voi stolti uomini, la sua avidità travolgerà tutti noi, e non c’è niente che possiamo fare per evitare che questo accada….”. Oltre questo non ha detto nulla, per cui alcuni lo hanno interpretato come un invito tenere fuori dal clan gli Ambriani per evitare la sventura, altri invece hanno pensato che visto che l’avanzata della Regine Korinthia non si fermerà, tanto vale assicurarsi essergli amici ed essere dalla parte dei vincitori quando sarà necessario.

Arnamer – capovillaggio Odaviova

Capo del villaggio Odaiova situato sotto la O di Odaiova.

Previous Page · Next Page